02/07/08

Quasi tutte le strade portano a Mornago.


Non faccio in tempo ad arrivare alla transenna che uno dei due operai scuote la testa e fa di no col dito:
"Non può! Deve fare il giro!"
"Per andare in paese?!"
"Sì"
"Ma scusi 'il giro' vuol dire farmi tutte le tre strade e tutta la provinciale! Sono 5 chilometri! Possibile che non ci sia un passaggio pedonale! "
"Dal comune hanno detto di chiudere tutto perché abbiamo gli scavi aperti"
" E io i mezzi come li prendo?"
"Eh, provi a chiedere a quelli delle case vicino se le fanno attraversare il prato!"
" Ma le sembra una risposta?!"
"Eh, non è colpa mia!"
Si allontana, intanto l'altro mi fissa e mi dice:
"Beh, però c'hai un bel fisico!"
"Si, ma cambia poco: 5 chilometri sono 5 chilometri sotto il sole."
Poi mi esce il sottotiolo "stronzo!" a caratteri cubitali proprio in fronte.

Si zittisce. Ha capito che ha sbagliato bersaglio.

Ecco dove abito io. MORNAGO. Un posto dimenticato da Dio.
E dall'amministrazione.
Un luogo dove non pensano che ci sono persone che vanno a piedi, che preferiscono usare i mezzi pubblici.
Persone per le quali è normale camminare.
Non pensano che chiudendo una strada mi tolgono anche le possibilità più elementari:
andare a prendere il pane, andare dal medico, in posta, andare a bere il caffè in piazza.

Chiudono 50 metri di strada e mi impediscono di avere una vita normale, e non si sa per quanto, visto che sui cartelli del cantiere non c'è neanche scritto quando i lavori finiranno.

Io vorrei tanto andare in Comune a dirgliene quattro, ma non mi fanno passare.
Cinque chilometri a piedi.

Oggi ci sono quasi trenta gradi.
Lo so che potrei prendere la macchina, la bicicletta... ma a me piace andare a piedi.
Odio essere privata di un diritto così elementare.

E vale anche per le persone anziane che adesso devono elemosinare passaggi in auto o favori dai vicini.

Basterebbe così poco: un metro di area transennata e tutto sarebbe risolto.

Già.
Evviva i piccoli paesi di provincia dove la vita è a misura d'uomo (però a patto che sia automunito).

Ma qui vige l'amministrazione leghista.
Eccola qui l'intelligenza padana: manco un passaggio a piedi per andare in paese.
E bravi!

Un bell'applauso alle menti geniali che hanno ordito tutto questo
CLAP CLAP CLAP!

11 commenti:

2pa ha detto...

...se avessi un SUVvone col paravacche passeresti sopra i lavori, sopra gli operai e magari anche sopra il sindaco! ma dato che sei a piedi, e no, non si può, devi fare il giro!! i mezzi pubblici, questi sconosciuti...come diceva Homer in una puntata dei Simpsons "i mezzi non li prendo mai perchè solo i perdenti li prendono"!
e comunque...penso basti andare dall'assessore di turno a chiedere una cosa tanto civile quanto banale, e vedi che non tarderà a metterla x non perdere voti :)
(Sì xchè si fan le cose x non perdere voti, non x la collettività!)
sorridi, è estate!
saludos

paloma ha detto...

p con M... bene ci vediamo alla rotonda del mercatone allora ! :-D
chiara (paloma)

Anonimo ha detto...

@ paloma, ora è conforama

Ettore ha detto...

Sarei volentieri il primo firmatario di una petizione per chiedere il divieto di pensare, scrivere e pronunciare le espressioni:
"è una città a misura d'uomo"
"è una città più vivibile"

Baci!

Anonimo ha detto...

"Beh, però c'hai un bel fisico"
Sono intelligente, una bella figa, e non so come farmi mettere una passerella...

Su Valentina, una donna dovrebbe sapere come ottenere una piccola passerella di legno per le sue sfila.. pardon camminate in mezzo agli operai che si occupano di lavori comunali.
Se tu fossi un vecchio sciancato sì che avresti seri problemi a mentenere un minimo di vivibilità nella tua città.
Au revoir
Marco

Valentina Maran ha detto...

Per 2pa: sai che la cosa davvero ridicola è che non riesco a raggiungere il comune per lamentarmi?! Non mi fanno passare, accidenti!
Ovviamente delle 7 mail mandate in comune, nessuna risposta...
Scatta l'offensiva al giornaletto comunale!

Paloma:
ok! (... ma come cacchio si fa a chiamare Conforama il Mercatone?! Che schifo!)

Ettore: vai di raccolta firme! M ci aggiungo!

Per Marco: Sono abbastanza stanca di sentirmi dire che devo usare la mia (ipotetica, te l'assicuro ) avvenenza per ottenere qualcosa.
avere un passaggio per arrivare ai servizi primari nel luogo in cui vivo non deve essere un favore concesso. Dovrebbe essere un diritto.

Sculettare davanti a uomini al lavoro non è mai stato di mio interesse.

2pa ha detto...

...ma non è che stanno scavando un fossato intorno al comune per poi metterci acqua salmastra e coccodrilli!? occhio che poi la lega la fa passare x un intervento per accrescere la sicurezza, conro zingari extracomunitari comunisti e culattoni raccomandati!!! ih ih ih :)
ps: giornaletto comunale -> ottima mossa! ma avrai ancora + eco se la tua parrocchia ha una pubblicazione, lì faresti bingo! faci poi sapere com'è andata, e occhio ai coccodrilli!!

Valentina Maran ha detto...

Eh!Eh! Si... il fosso coi coccodrilli è un'eventualità da considerare!

a pensarci bene... sì, c'è anche "il michelino", il giornale della parrocchia... solo che il prete sa che ho pubblicato un libro di racconti erotici e allora...

Doge ha detto...

OMMIODDIO E' INIZIATA LA SECCESSIONE hanno interrotto l'unica strada che porta a Roma e alle istituzioni.

Ora Mornago Nord-Ovest è libbbbbera!!!!

W il sindaco Paolo Gusella (Lega Nord per L'indipendenza della Padania)

E ora costruiamo un bel casinò, con donnine in topless (e tanga verde padano)ai tavoli da gioco per finanziare la rivoluzione e lo stato autonomo di Mornago Nord Ovest (Mornovest), naturalmente il casinò sarà raggiungibile solo tramite elicottero.....e free blue chips per i residenti.......

Lillo ha detto...

Il nostro è un paese automunito...chi (come all'estero) non vive in automobile per fare qualunque cosa (compreso mangiare e andare in bagno) è un anormale...
Abituati (amoci)....

:P

Anonimo ha detto...

ti do xfetammente ragione=)ke kavolo di paese...io ho dovuto fare un giro assurdo x arrivare a villadosia xkè anke li la strada era chiusa!!aaaa.....=)

Archivio blog