08/01/11

L'Italia non è un paese per mamme.

Te ne accorgi dalle piccole cose: dalle code che devi fare in ospedale per i prelievi, perché una volta le donne in attesa avevano la precedenza. Adesso no. E puoi essere tonda e grossa quanto ti pare: nessuno ti fa passare.
La precedenza ce l’hanno solo i pensionati e i minori di 10 anni. O tutt’al più le doglie.
Solo al supermercato ogni tanto trovi la cassa gestanti, ma non ti ci metti in fila già da ora perché fa strano: la pancia ancora non ti si vede e allora quand’è che cominci ad essere gestante? Ti porti dietro l’ecografia da mostrare a chi non ci crede?

Sei incinta solo quando sei conclamata e abbondante. Altrimenti non vale.
E quando poi si vede, cominciano i problemi, perché se sei una libera professionista, fino a che ti sentono al telefono sono esaltati per la tua presenza, e ti parlano di lavori di uno, due, forse tre mesi. Poi quando ti palesi col tuo carico sporgente automaticamente il progetto diventa meno glorioso, non si sa bene, dobbiamo decidere, tu vieni giusto qualche giorno, poi capiamo.

E che l’Italia non sia un paese per mamme lo capisci dai contratti che non ti rinnovano:
l’augurio per il mio nuovo anno da futura mamma è stato “Grazie di tutto. Goditi la gravidanza.”
E tanti saluti.
Certo che me la godrò. Lavorando da un’altra parte. E facendo mille altre cose.
(e ovviamente, tutti quelli con cui ho avuto a che fare fino ad ora, erano tutti uomini).

9 commenti:

slavina ha detto...

auguri di cuore, sorella - e benvenuta nel club :)

ce n'est q'un debut (se scriverá cosí?) ma ti assicuro che ce la puoi fare ;)

un abbraccio e mi raccomando non ingrassare troppo, che poi ti fa male la schiena!

IL GATTO CON IL CALEIDOSCOPIO ha detto...

Complimenti alla futura mamma con l'augurio di avere tanta pazienza perchè l'Italia non è un paese per donne!!!!No country for women!Un paese che offre zero al talento femminile e che trabocca di pregiudizi e stereotipi!!!

pino s. ha detto...

Tanti, tanti auguri! Come ha già scritto qualcuno, l'Italia non è un paese per donne, oltre che per mamme. Ma non è nemmeno un paese per meriti...

Anonimo ha detto...

E la cosa peggiore e che a volte sono le donne a fare le discriminazioni.
Un caro augurio
Letizia

Valentina Maran ha detto...

@ slavina
Farò del mio meglio, anche se il richiamo delle pizzette è davvero irresistibile!

Valentina Maran ha detto...

@ il gatto col il caleidoscopio
Grazie. Si, la battaglia è appena cominciata. Dobbiamo arrabbiarci e unirci per vincere!

Valentina Maran ha detto...

@ pino
Grazie.

Valentina Maran ha detto...

@ Letizia
Diciamo che c'è tantissimo lavoro da fare. E lo faremo!
: )

CyberLuke ha detto...

La cosa veramente brutta?
Che l'Italia non è una mosca bianca.
Anzi, per certi versi è meglio di tanti altri.
Alla storia di quando si comincia-davvero-ad-essere-gestanti ci avevo pensato anch'io tempo fa.
Ma si deve vedere per forza? E se non si vede mi devo mettere un cuscino sotto? Ma poi c'è davvero gente che farebbe finta di solo per risparmiare un po' di tempo?
C'amarezza.

Archivio blog